Arrestati i responsabili dell’estorsione ai danni di John Travolta: volevano rendere pubbliche le foto scattate al figlio Jett agonizzante – parte 2

john-travolta-jett-insieme

Segue da parte 1

Scientology crede che gli spiriti umani sono immortali e che dopo la morte si rinasca in un altro corpo.
La tentata estorsione aggiunge ulteriori ombre al quadro già di per sé a tinte fosche della scomparsa del primogenito di Travolta, affetto dalla sindrome di Kawasaki e malato di autismo, benché i suoi genitori si siano sempre rifiutati di ammettere la sua malattia e di curarla, in osservanza al credo scintologista. Scientology vieta la cura delle malattie che fanno riferimento alla sfera psichica, ragione per la quale nel 2005 Tom Cruise, fanatico seguace della setta, si era scagliato violentemente contro l’attrice Brooke Shields, colpevole di aver raccontato di aver fatto uso di psicofarmaci per curare la sua depressione post-partum
che l’aveva condotta sull’orlo del suicidio. Per i seguaci della setta la psichiatria infatti non è una scienza, questo ha attirato sui Travolta forti critiche, poiché l’autismo di Jett non è mai stato curato adeguatamente. Alcuni medici sostengono che la decisione della famiglia di far interrompere a Jett l’assunzione del farmaco Depakote sia stata un errore fatale, l’interruzione era stata giustificata dalle possibili conseguenze sul fegato di tale farmaco. E’ attendibile che la scelta della famiglia sia stata dettata invece dall’avversione di Scientology per la medicina. Il neurologo e professore assistente dell’Ohio State Medical Center a Columbus ha dichiarato: “Depakote raramente può causare danni al fegato. Ma ci sono molte alternative ad esso, molti nuovi farmaci disponibili, non bisognava cessarlo”. Jett potrebbe essere stato vittima dell’approccio errato di Scientology nei confronti della psichiatria.

john-travolta-scientology-