Bimba russa trascurata dalla madre alcolista si fa adottare da un branco di cani

Anna-donna-russa-di-23-anni

La madre Anna, una donna russa di ventitré anni alcolista, quasi sempre ubriaca, la trascurava completamente, così la piccola Madina, di tre anni, è stata adottata da un branco di cani con i quali ha vissuto, cibandosi di ossa e avanzi e camminando a quattro zampe. Scoperta dai sevizi sociali la piccola era scalza e nuda, le uniche due parole che conosce sono sì e no. Nella città di Ufa, sulle rive del fiume Belaja, nella Russia centrale, la piccola veniva abitualmente lasciata sotto il tavolo a mangiare con i cani,   i quali la scaldavano dormendo accanto a lei in inverno ed erano i suoi unici compagni di giochi. Madina ringhia come un cane quando qualcuno le sia avvicina troppo. La polizia che, su segnalazione dei servizi sociali, l’ha prelevata dal luogo nel quale viveva ha riferito che la bambina è in buona salute fisica e mentale, benché conosca solo l’affetto e la vicinanza dei cani, abituata a fuggire alle ire della madre. Il padre di Madina è scappato subito dopo la sua nascita e sua madre Anna era solita portarsi a casa altri ubriaconi dei dintorni, abbandonando a sé stessa la piccola.

madina-la-piccola-cresciuta-dai-cani