E se davvero bastasse rompere l’incantesimo in cui siamo intrappolati, come dice Jaron Lanier?

Jaron Lanier, social network, facebook 1

E se davvero bastasse rompere l’incantesimo in cui siamo intrappolati, come dice Jaron Lanier?

E se davvero bastasse «rompere l’incantesimo in cui siamo intrappolati», come dice Jaron Lanier? Un altro web, più etico, è possibile? Perché in tanti abbiamo deciso di servire obbedienti alla corte di re Zuckerberg, regalandogli ogni giorno le nostre idee, le nsotre immagini private, barattandando la nostra privacy in cambio di una socialità fasulla? Quale sortilegio fa sì che ogni giorno persone intelligenti accettino di essere usate a scopo commerciale, abdicando al proprio spirito critico, e divenengano la merce di scambio che aumenta il valore economico delle azioni di Facebook? Davvero la tv e la pubblicità ci hanno narcotizzati a tal punto? Mentre cerco di togliermi di dosso questa cattiva abitudine, di perdere questo vizio assurdo di loggarmi e frugare qui e là nelle vite/pagine dei miei presunti “amici” social, domando a voi, che ora mi state leggendo: sapreste vivere senza i social network, senza i microblogging, senza Insatagram? Potreste vivere senza mamma Google? Esiste un’alternativa a questi strumenti? Ne avete in mente una? Come potremmo migliorare il web senza trasformarci in gadget? Come ci ha trasformati la tecnologia e cosa abbiamo perso, durante questa mutazione, mentre credevamo di arricchirci? Il mio post di oggi è solo un sassolino lanciato in uno stagno, un messaggio in bottiglia, che spera di raggiungervi, di farvi riflettere. E se la rivolta contro questa schiavitù moderna cominciasse da noi, cominciasse da oggi? Fatemi sentire le vostre voci, ho bisogno di sapere cosa ne pensate.

http://www.jaronlanier.com/

Jaron Lanier, social network, facebook 1