Lanciato nello spazio il primo satellite in grado di misurare i danni dell’effetto serra

Ibuki-satellite-per-monitorare-effetto-serra

E’ stato lanciato nello spazio il primo satellite per monitorare il quantitativo di biossido di carbonio dell’atmosfera terrestre. Il razzo di fabbricazione nipponica, costato 159 milioni di dollari, è stato inviato insieme ad altri sette satelliti minori: di questi sei sono stati progettati da università o privati mentre il settimo, contiene un congegno costruito dall’agenzia aerospaziale giapponese (Jaxa) destinato a sperimentare nuove funzioni di comunicazione.
Saranno utilizzati 56.000 punti di osservazione per calcolare la densità
di biossido di carbonio e metano, concentrando l’attenzione in particolare sui paesi in via di sviluppo dove l’emissione delle sostanze inquinanti in questi ultimi anni sta crescendo in misura esponenziale e incontrollata.
“Ibuki”, questo è il nome del satellite principale, viaggerà all’altezza di 666 chilometri per 5 anni, registrando i dati relativi all’atmosfera una volta ogni tre giorni.
“E’ necessario conoscere meglio il comportamento di questi gas … per la prima volta il fenomeno verrà monitorato dallo spazio per cercare di prevenire le conseguenze delle emissioni che, nei prossimi anni, potrebbero essere catastrofiche”, fanno sapere dalla Jaxa. L’augurio è che i dati forniti dal satellite contribuiscano a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle conseguenze nefaste dell’inquinamento.

Bob