Morto in carcere il blogger iraniano accusato di oltraggio al regime degli ayatollah

morto-in-carcere-blogger-iraniano-Mir-Sayafi

Sembra quasi un gioco, sedersi al computer ogni giorno e scegliere un argomento sul quale scrivere, spesso leggero e ironico, qualche volta serio, parlare di politica, costume, cinema, raccontarvi la mia visione della realtà.
Invece in Iran la libera espressione è schiacciata dal regime degli ayatollah e Mir Sayafi, blogger venticinquenne,  accusato di essere un ribelle per aver osato criticare il regime è morto in cella. Processato il novembre scorso per propaganda contro lo stato è deceduto in prigione, secondo quanto affermato dal regime si sarebbe suicidato, sulla sua morte verrà aperta un’indagine. Ovviamente la verità non verrà a galla, soffocata come la voce di Mir Sayafi, al cui coraggio desidero rendere omaggio a nome di tutti i blogger che hanno come me la fortuna di poter scrivere liberamente ciò che pensano. Tanti, troppi, come lui nel mondo vengono messi a tacere, ma i blogger anche in Iran si moltiplicano ogni giorno e la loro voce è più forte del silenzio della menzogna.