Recenti ritrovamenti a Venezia confermano antiche leggende sui vampiri

donna-vampiro-venezia-peste

Come noto, nei romanzi horror i vampiri vengono uccisi con un paletto nel cuore. Sembrerebbe che questa usanza non sia del tutto frutto della fantasia di qualche scrittore, ma abbia delle radici molto profonde e antiche nel tempo, come testimoniato dai recenti ritrovamenti archologici. I resti di una “donna vampiro” sono stati rinvenuti dall’equipe di Matteo Borrini dell’Università di Firenze,  presso l’isola del Lazzaretto Nuovo, nella Laguna Veneziana.
Nel Medioevo, di fronte a catastrofi naturali come le pestilenze, spesso accadeva che un cocktail d’ignoranza mista a terrore, alimentasse leggende e superstizioni popolari.
L’idea delle donne vampiro derivava probabilmente dal fatto che spesso, chi moriva di peste, emetteva un rivolo di sangue dalla bocca. Si credeva inoltre che le cosiddette “non-morte”, sepolte a fianco dei cadaveri degli appestati, si nutrissero del sangue di questi ultimi per poi uscire fuori dalla tomba e contagiare altri individui.
Per evitare il diffondersi della malattia, i becchini inserivano dunque all’interno delle bocche dei cadaveri degli appestati un mattone che impedisse loro di “mangiare”.
Ed è esattamente così che è stata ritrovata la “vampira” veneziana, con un mattone in bocca che le ha frantumato tutti i denti.

9 commenti
  1. Oo_ary_Oo
    Oo_ary_Oo dice:

    sinceramente no ihih xke potrebbero aver messo quel mattone in bocca a quella poveretta anche dp ke l’hanno trovata x creà 1 leggenda

  2. Luigi Sauro
    Luigi Sauro dice:

    Trovo interessante la storia dei vampiri, queste creature malvagie e corrotte di cui si dica che sono immortali, che odiano la luce del sole, le rose, l’acqua corrente e le figure religiose.
    In realtà, si nasconde un pregiudizio su persone ammalate di ina rara malattia del sangue, di cui sono fotosensibili e hanno bisogno di trasfusioni ogni giorno.

  3. Michela
    Michela dice:

    A me appassionano molto le scoperte, ma se sono realmente accertate.
    Prima di dichiarare ciò, si dovrebbero fare delle ricerche più accurate, poichè tali argomanti sono molto importanti per la nostra storia, e potrebbbero (se sono reali) influenzare la storia passata,così tanto che tutto si rimetterebbe in “ballo”.

  4. Alice
    Alice dice:

    Io ho visto un vampiro. Hanno gli occhi luminosi e possono uscire alla luce del giorno. Quello che ho visto io vive come una persona normale. Non è uno scherzo è la verità, lo so che è difficile credere senza vedere, ma io l’ho visto e ci credo adesso. Chi non ci crede è uno stupido, ed è uno stupido perché non vuole accettare il mondo in cui viviamo.

  5. mary18
    mary18 dice:

    io sn un’appassionata di vampiri xo ke esistino ci credo una cosa giusta… nn mi sono mai persa una serie, un film sui vampiri e pensare ke possano esssere su questo pianeta creature cosi fa troppo strano… xo una cosa è certa IO CI CREDO!!!!!!!!!!!!

  6. lucia
    lucia dice:

    i vampiri?un argomento molto interessante..sull’esistenza di queste meravigliose creature…bhe..non lo so,ma vorrei tanto crederci..ci voglio credere.tanti hanno dei pregiudizi ma se dovessi ,io,scegliere di diventare una vampira non esiterei a diventarlo,perche tutte le loro percizioni che hanno sono. amplificate a 1000 se non di piu sono realmente affascinanti la loro forza il vivere in eterno la velocita nel muoversi….bellisimi!!

  7. Rachele
    Rachele dice:

    Stupendi i vampiri è un argomento ke affascina,alcuanto misterioso come tutte le leggende dopotutto ……io ci credo =)

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Recenti ritrovamenti a Venezia confermano antiche leggende sui … […]

I commenti sono chiusi.